NOVITÀ

“ll Sugo d’Ocio”

Il sugo d’ocio è un piatto caratteristico del territorio aretino che non si trova fuori dalla toscana. Sai cos’è?

L’ocio è  il maschio dell’oca, un animale che si muove goffamente – da cui l’espressione aretina “sembri un ocio barellone” che in poche parole significa che sei sgraziato e ti muovi male.

Questa antica ricetta veniva preparata nel giorno della battitura del grano quando si doveva dar da mangiare a un sacco di persone affamate dopo il duro lavoro e si tramanda di generazione in generazione. La carne d’oca è ricca di grassi insaturi assimilabili e dunque fonte naturale diOmega 3, 6 3, 9, essenziali per il corretto funzionamento del nostro organismo, così come i nutrienti presenti nell’olio extravergine di oliva e nel pesce, quindi lascia a casa il senso di colpa e tuffati sull’ ocio.

 

Se non lo prendi già pulito (ricordati che puoi comprarlo da noi tramite ordine telefonico) la prima fase consiste, ahimè, in un lavoro lungo e faticoso, la spennatura. Una volta conclusa  lava il volatile, fiammeggialo sul fuoco, elimina le interiora, taglialo in piccoli pezzi, tenendo da parte le frattaglie che pulirai e laverai. 
Prendi i pomodori incidili nella parte bassa e sbollentali due minuti, poi rimuovi la buccia e tagliali a pezzetti.
Prepara un un trito di sedano, carota e cipolla butta tutto su un capiente tegame con un po’ d’olio meglio se extravergine di oliva, due foglie d’alloro e fallo rosolare. Poi unisci i pezzi d’ocio tagliati,  le interiora spezzettate, e il macinato di vitella  lascia sfrigolare a fuoco piuttosto sostenuto e gira  in continuazione. Dopo che hai rosolato la carne uniformemente,  sfuma con  un bicchiere di vino rosso. Non ti resta che aggiustare di sale, aggiungere il pepe, un pizzico di peperocino e il pomodoro tagliato 
Fai cuocere il composto  lentamente, a fuoco basso, fino a quando la carne si staccherà dall’osso.   A questo punto spengi la fiamma, togli  i pezzi d’ ocio dal tegame, separa le  ossa dalla carne, unisci e frattaglie e trita grossolanamente con un coltello da battuto. 
Rimetti tutto nel sugo di cottura e lascia cuocere, a fuoco basso, ancora per circa 15 minuti.
Preparazione2 h 30 min
Cottura2 h 30 min
Porzioni: 4 persone

Ingredienti

  • 1 Ocio
  • 1 Kg pomodori tondi rossi
  • 500 grammi carne macinata
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 2 foglie di alloro
  • q.b. sale
  • q.b. pepe
  • 1 costola di sedano

Check Also

La ribollita

“La Ribollita”

“La ribollita “ è un piatto tipico dell’ aretino, della tradizione popolare contadina e per realizzarlo si …

pappa al pomodoro

“La Pappa al Pomodoro”

La pappa al pomodoro è una ricetta tipica della cultura contadina toscana fatta con pane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat